L’ATTIVITÀ DEL GRUPPO COLOMBEROTTO INIZIA NEGLI ANNI CINQUANTA CON UN PICCOLO LABORATORIO NEL CENTRO STORICO DI MORIAGO DELLA BATTAGLIA. AD AVVIARLA FU TOMMASO COLOMBEROTTO, L’ATTUALE PRESIDENTE DELLA SOCIETÀ, CHE UN DECENNIO DOPO, NEL 1974, REALIZZÒ ANCHE UNA MACELLERIA FUORI PAESE PER INCREMENTARE IL COMMERCIO AL DETTAGLIO E ALL’INGROSSO, CON LA VENDITA DI MEZZENE E QUARTI AI PRIVATI, AI MACELLAI E AI RISTORATORI DELLA ZONA. I BOVINI VENIVANO SELEZIONATI E PRELEVATI DALLE STALLE LOCALI O DAI VICINI MERCATI DI BESTIAME.


Nel 1978 il nuovo Amministratore delegato dell’azienda Loris Colomberotto, con l’acquisizione di un’azienda agricola del territorio, affianca all’esercizio commerciale l’attività di allevamento: una scelta originata dalla volontà di avere il pieno controllo della crescita e sviluppo dell’animale, per garantire al consumatore un prodotto gustoso e naturale. Una determinazione che via via sarà confermata non solo dalla costruzione o acquisizione di numerose altre aziende agricole per ampliare gli allevamenti di vitelli a carne bianca e di vitelloni, ma anche dalla gestione diretta di coltivazioni per assicurare al bestiame un’alimentazione naturale e di qualità.
 
Nel 1994, contestualmente alla costruzione dell'attuale sede, l'azienda diventa una SPA. In quegli anni vi fu un grande aumento delle vendite, dovuto in particolare all'entrata del Gruppo Colomberotto nella rete commerciale dei Gruppi più qualificati della Grande Distribuzione Organizzata. 


Da allora in poi sono state progettate e costruite molte nuove aziende agricole secondo criteri di eco-sostenibilità e di salvaguardia del territorio; Un arcipelago di allevamenti nella Marca trevigiana e nel Veneto che consente di coprire la quasi totalità del fabbisogno aziendale.

L'attuale realtà del Gruppo è quella di una filiera a controllo totale che segue ogni momento della sua produzione, dall’alimentazione alla crescita degli animali negli allevamenti, fino alla vendita delle carni sull’intero territorio nazionale ed europeo.